Benvenuti

Territorio

LE GRAVE

Le Grave si estendono su una superficie di circa 7.500 ettari a cavallo del fiume Tagliamento, tra le province di Pordenone e Udine.
L’alta pianura friulana, a ridosso dell’arco prealpino, è caratterizzata da un paesaggio naturale di spiccata originalità. Si tratta di un’ampia zona formata dalle alluvioni dei fiumi Meduna, Cellina e Tagliamento che, nel corso dei millenni, hanno depositato enormi quantitativi di materiale calcareo-dolomitico strappati alla montagna dalla violenza delle acque e trascinati a valle lungo il loro alveo.

               Chardonnay_2475                  Argo_Castellarin_2502                              

L’intera pianura è formata da terreno di origine alluvionale, grossolano nella parte settentrionale della DOC, più minuto man mano che i fiumi proseguono il loro corso. Le montagne, oltre ad aver dato origine al terreno delle Grave, lo riparano dai venti freddi provenienti da nord.
Questo fatto, insieme all’effetto benefico del mare Adriatico, ha concorso alla creazione di un clima particolarmente adatto alla coltivazione delle vite.
Vi è però un’altra ragione che rende le Grave adatte ad una produzione di qualità: il terreno, caratterizzato da una ampia superficie sassosa, esalta l’escursione termica tra il giorno e la notte favorendo così uve con una spiccata dotazione di aromi e vini profumati ed eleganti.

Le “sentinelle dell’ambiente” – Confinante con i nostri vigneti da tempo sorge un apiario a garanzia della  genuinità delle nostre produzioni. Si dice infatti che le api  siano  le “sentinelle dell’ambiente” in quanto sono animali molto sensibili alla qualità dell’habitat in cui si muovono, perché riescono a nutrirsi e a vivere solo dove la natura è sana.

               api_arnia               api_t1                api_t2               pinot_grigio2492

COLLI ORIENTALI DEL FRIULI

vigna_grave2480

L’ambito territoriale Friuli Colli orientali, comprende l’intera formazione collinare della porzione orientale della provincia di Udine. Si tratta di rilievi di altitudine compresa tra i 100 ed i 350 metri s.l.m., omogenei tanto per condizioni climatiche quanto per l’origine geologica.
Terreni straordinariamente vocati alla viticoltura per la loro giacitura e composizione. Questa è la migliore posizione geografica per la viticoltura con le Alpi Giulie alle spalle che riparano la vite dalle fredde correnti del nord ed il mare Adriatico di fronte che favorisce una benefica e costante ventilazione. All’interno del comprensorio vi sono tuttavia infiniti microclimi: più freschi e umidi a nord a ridosso delle montagne; più miti e asciutti a sud dove, come venti secoli or sono, assieme alla vite crescono e fruttificano gli ulivi, testimoni silenziosi di antichissime tradizioni contadine.
I vitigni riconosciuti D.O.C. Colli orientali per i vini rossi sono il Cabernet, Cabernet Franc, Cabernet, Sauvignon, Pignolo, Rosso, Schioppettino, Merlot, Pinot Nero, Refosco dal peduncolo rosso, Refosco nostrano, Tazzelenghe.
Per i vini bianchi sono il Bianco, Chardonnay, Dolce , Malvasia Istriana, Picolit D.O.C.G., Traminer Aromatico, Friulano Pinot Grigio, Riesling, Ramandolo  D.O.C.G.,  Ribolla Gialla,  Sauvignon, Verduzzo Friulano.

 

IL CICLO DELLA VITE